Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito

 

Una donna inserita nel suo tempo e assolutamente moderna,

per le sue idee, lo spirito d’iniziativa, l’autonomia, la capacità di assumersi compiti di responsabilità.

Questo emerge di Armida Barelli dalla mostra a lei dedicata che ha fatto tappa nella nostra Diocesi.

Ha precorso i tempi, risultando attuale, mettendosi totalmente a servizio dell’educazione delle giovani, della diffusione della cultura e della promozione della donna in diversi ambiti di vita, da quello familiare a quello ecclesiale, culturale, sociale e politico.

Camminando tra i pannelli scopriamo, attraverso gli snodi essenziali della sua vita, le sue qualità: la tenacia nelle difficoltà, la creatività nell’affrontare i problemi, la solidarietà con chi è in difficoltà, la cura per l’educazione delle giovani, l’amore per la cultura da diffondere, la partecipazione attiva alla vita sociale e politica, la responsabilità e competenza nello svolgere i propri compiti, l’autonomia nel perseguire i  suoi obiettivi.

E’ stata donna degli inizi.

Assume il compito di prendersi cura delle giovani e fonda la Gioventù femminile cattolica milanese e poi italiana.

Fonda con padre Gemelli l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Si impegna in campagna elettorale e promuovere l’ingresso di giovani cristiane per la prima volta in politica.

Il confronto con gli avvenimenti storici avvenuti nell’orizzonte della sua vita e con i progressi nella promozione dei diritti della donna e della sua partecipazione attiva nella società, mettono ancora più in evidenza i passi umili ma concreti di Armida per valorizzare il genio femminile nel mondo e nella Chiesa.

Anche per i giovani è stata una bella scoperta:

 “Ho scoperto una donna che ha mostrato con la sua vita le capacità e la forza di ogni donna”;

“nella sua storia ho incontrato una donna che si è battuta per le donne”;

“il suo esempio è una rivendicazione dei diritti delle donne a partecipare alla via sociale”;

“ha aiutato molte perone, soprattutto donne”;

 “quello che più mi ha colpito della vita di Armida Barelli è il fatto che sia morta relativamente giovane ma nonostante questo ha vissuto a pieno la sua vita realizzando molto per gli altri”;

“non si è mai fatta abbattere dalle difficoltà, ha lottato per le donne anche durante un periodo difficile come il fascismo, ha creato un Università lasciando un segno per sempre”.

Queste le reazioni e i commenti di un gruppo di studenti delle Superiori che hanno visitato la mostra nei giorni scorsi.

Grazie a tutti quanti ci hanno dato l’opportunità di conoscere la figura significativa di Armida Barelli.

© 2015 

Associazione culturale "Luciano Chiodo"

Via Civerchi, 7 - 26013 Crema (CR)

P.IVA: 91014730195