Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito

"Il nostro tempo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, e se ascolta i maestri è perché sono testimoni." 
Si è chiusa con questa frase la settimana di condivisione appena trascorsa, un tempo di legami e vita bella che ha chiamato a raccolta i responsabili parrocchiali ACR e Giovani della nostra associazione diocesana. 
La settimana è iniziata partecipando al LoftGiovani, la rinnovata proposta di un tempo dedicato alla spiritualità per i giovani. 
I giorni sono passati all'insegna della vita quotidiana di ciascuno, che si è intrecciata ed è stata condivisa in particolare nel luogo più affollato: la cucina. Come ad Avolasio, è intorno al cibo e alla creatività che si chiacchera, ci si incontra e si condivide.
 
L'équipe diocesana ha colto l'occasione di questo tempo insieme per lanciare alcuni riflessioni e provocazioni sul tema della responsabilità: martedi sera ai respo è stato chiesto di disegnare cosa significa per loro essere responsabili in associazione e poi, divisi in gruppi, si è cercato di leggere a partire dai documenti dell'AC il mandato che viene affidato quotidianamente ai respo. Giovedi sera invece il gruppo si è messo in ascolto di quattro superospiti: Antonio Crotti, presidente diocesano, Andrea Venturini, consigliere diocesano adulti, Agostina Frassi, consigliere diocesano adulti e ex vicepresindete adulti, e Francesca Capelli, vicepresidenti giovani della diocesi di Cremona.
A loro è stato chiesto di raccontare alcuni elementi salienti dell'essere associazione e poi le stesse domande le hanno rivolte ai presenti: un'occasione unica di ascoltare e trovarsi nella storia degli altri nonchè di sentirsi una grande famiglia unita da legami di vita buona, così come ha voluto testimoniare l'équipe restituendo i disegni dei responsabili arricchiti da personaggi e compagni di strada. 
La settimana si è conclusa con una cena giapponese e poi di nuovo e di corsa verso gli impegni da respo!

© 2015 

Associazione culturale "Luciano Chiodo"

Via Civerchi, 7 - 26013 Crema (CR)

P.IVA: 91014730195